Blog: http://lucania.ilcannocchiale.it

De Filippo e l'affondamento del Titanic

da blog ilresto.info

di Nino Magro

“Neanche Dio la può affondare”, così era scritto su una fiancata del Titanic nel suo primo ed ultimo viaggio attraverso l’oceano Atlantico. La sfida non durò che qualche giorno. È così che quando abbiamo letto la dichiarazione attribuita al Presidente della Giunta regionale della Basilicata, Vito De Filippo, sono scattati automaticamente una serie di “paralleli”. Il Presidente o, come lo chiamano più familiarmente: “U’ prsdent’”, pare abbia affermato che nemmeno Dio può affermare che egli abbia una qualsivoglia responsabilità nel caso “Totalgate”. Bene, allora potrebbe essere partito l’ultimo viaggio della neonata giunta “De Filippo”. Forse, più che neonata, sarebbe il caso di dire la “resuscitata” assise di governo regionale. Sono gli stessi assessori di prima, con l’unica eccezione dell’irremovibile Vincenzo Folino, comunque il suo destino sembra segnato. E non certo per la cabala che la vede “collegata” al tragico destino del Titanic. Le motivazioni addotte dal Prof. De Filippo per riproporre lo stesso esecutivo dimissionario da circa un mese sono l’antipolitica fatta governatore. Poiché i partiti della maggioranza non trovano un accordo e visto che la situazione rischia di protrarsi a lungo. Bisogna garantire il governo della regione ed eccoti rispuntare i medesimi assessori. Ma, ci chiediamo, quale legittimazione possono avere se i partiti della maggioranza persistono in divisioni e distinguo sostanziali? Nessuna. Allora, caro Presidente De Filippo, prima di sbattere contro un iceberg che coli a picco la sua giunta e tutta la Basilicata, macchine indietro tutta e parola agli elettori. Non ci sono altre vie per evitare la catastrofe che già sembra incombere minacciosa.

Pubblicato il 25/12/2008 alle 20.40 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web