Blog: http://lucania.ilcannocchiale.it

PANNELLA: SETTIMO GIORNO DI SCIOPERO DELLA FAME E DELLA SETE

12 marzo 2008

Ore 15.50

Nel pomeriggio di domenica 9 marzo l’On. Pannella ha accettato di sottoporsi a terapia infusiva, con somministrazione di un totale di un litro di liquidi. Dopo altre 24 ore di digiuno, nella giornata di ieri ha assunto per bocca circa un litro di acqua e spremute di frutta. Ciò ha comportato una riduzione della azotemia, che oggi è di 85 mg/dl. Tuttavia stamattina è stato osservato un repentino incremento della creatinina, che è passata da 1.16 a 1.44 mg/dl in 24 ore. Alla luce di quanto sopra, il collegio medico non può che confermare il persistere di uno stato di sofferenza renale che rischia di evolvere verso un danno irreversibile. Si ritiene assolutamente improcrastinabile il ritorno ad una idratazione regolare e continua. In caso contrario il collegio medico conferma di non poter offrire al paziente alcun utile contributo assistenziale.

Prof. Claudio Santini, Direttore UOC Medicina interna – Ospedale Vannini – Roma;

Prof. Gerardo Ansatone, Direttore UOC Cardiologia – Ospedale Vannini – Roma;

Prof. Giovanni Stirati, Direttore Uoc Nefrologia, Università La Sapienza – Roma;

Prof. Gianni Testa, Direttore Uoc Anestesia Rianimazione, Ospedale Vannini – Roma.

Pubblicato il 12/3/2008 alle 17.28 nella rubrica Salvemini/Rosselli/Rossi/Pannella.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web