.
Annunci online

 
lucania 
XX settembre
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Speciale su Tito Scalo(OLA)
Verbale Tito
I Veleni di Tito certificati
Speciale Fenice Spa
OLA: L'Ambientalismo non di regime
IL RESTO
Facebook
Bolognetti su radioradicale.it
Bolognetti su Coscioni.it
Bolognetti su "Fai Notizia"
Bolognetti su Radicali.it
Foto BubbleShare
Foto Flickr
Video su Google
Video su dailymotion
Video su YouTube
almcalabria
Raggi/Wordpress
Wikio.it
Lucanianews
NoiCittadiniLucani
Vittoria Smaldone
Ottavio Frammrtino
Diario Estemporaneo
Ecarta
Exploratores
Andrea Pikki
Lutrelli Blog
Giambattista Cervino
Flavia Amabile Blog(La Stampa)
Guido De Rosa
Sinistra Lucana
Anagrafe degli eletti Blog
Inaugurazione dell'anno giudiziario della Corte d'Appello di Potenza
Caso De Magistris, 21 ottobre
Il costo della politica
Manifestazione a sostegno del Pubblico Ministero Luigi De Magistris
Conferenza stampa\sit-in di Maurizio Bolognetti sulla "pax mastelliana"
Intervista a Maurizio Bolognetti sull'utilizzo dei fondi comunitari nella regioni Basilicata
Intervista a Maurizio Bolognetti sui 35 rinvii a giudizio in merito all'inchiesta relativa alla BPM
Insediamenti turistici nel metapontino: intervista a Maurizio Bolognetti
Piergiorgio Welby
Anagrafe pubblica degli eletti
Pannella e Kok Ksor a Potenza, 29/06/2004
Pannella e Kok Ksor a Latronico, 29/06/2004
Notiziario, 30/06/2004
Delegazione radicale visita i sassi, 30/06/2004
Pannella e Kok Ksor a Matera, 30/06/2004
Intervista RR, 27/08/07
Sit-in Lagonegro, 18/08/07
Dimissioni della giunta, 12/06/2007
Quale Alternativa?, 22/06/2007
"Caso Basilicata", 28/06/2007
Speciale "Toghe Lucane",18/06/2007
Intervista su "Toghe Lucane", 08/06/2007
Intervista su elezioni amm., 24/05/2007
Intervista su Comunità Montane, 16/05/2007
Chiu pilu pe tutti, 21/04/2007
Conferenza Stampa Eolico,23/03/2007
Veglia Welby, 13/12/2006
Comizio Cav, 28/01/2007
Egidio Sisinni, 16/10/06
Filodiretto, aprile 2006
Truffa UE, 25/8/06
Comizio Referendum, 07/05/2005
Firme False, 16/03/2005
Referendum, CF 10/9/2004
Comizio Muro L., 29/5/2004
Interviste a Latronico, 26/04/2004
Scorie Nucleari, CF 26/11/03
Comizio PZ, 1/12/03
Statuto Regionale, 4/10/03
Montagnard, 5/11/03
Maratona Oratoria, 20/6/02
Disobbedienza PZ, 25/5/02
Disobbedienza Mt, 22/2/03
OLA
FGS POTENZA
Montescaglioso.net
Astronik Blog
Nathan 2000
Rosa Piro
Giulio Laurenzi
Alfredo Di Giovampaolo
Luigi Cannella
Gianluca Bruno
Luigi Botte Blog
Vilerola
Voglio Scendere
Beha Blog
Il Senso della Misura
Fontamara
aboutblank
Daniela Condemi
Tiamotamburro
Piero Lacorazza
Bradanica
Il Rockpoeta
Polis
Paolo Uricchio
Rivivere
Il Quotidiano della Basilicata
Blutv
Basilicatanet
Basilicatanews
L'Eco di Basilicata
Gazzetta del Mezzogiorno
Nuova del Sud
Metropolisinfo
Tgr Basilicata
Approfondimenti RR: "Parlamento-casta"
Approfondimenti RR "Caste e Condor"
Rischio Vesuvio
  cerca


 



Intervento di Maurizio Bolognetti
alla Direzione Nazionale Rnp,
22 Settembre 2006
Ascolta!!! Link:
Radioradicale.it



LA DIREZIONE DI RL
CARLO GIORDANO
CARLO BOSSI
SABRINA TRIOLA

ASSOCIAZIONE RADICALI LUCANI
85043 - Latronico
radicalilucani@libero.it


“Comunque penosa sia la situazione
presente,
comunque avanzato sia
il processo
di involuzione confessionale
della nostra Repubblica,
noi, però, non disperiamo.
Sulla storia dell’umanità non cala mai
il sipario,
ed attori del dramma siamo noi,
con la nostra volontà e i nostri ideali.”
Ernesto Rossi (Il Ponte 1959)


“L’idea di libertà è una creazione
di ogni spirito;
imperdonabile errore è considerare
la libertà sotto un profilo storicistico,
strumentale ed utilitaristico.
La libertà è un valore
eterno ed assoluto.”


Carlo Rosselli (Scritti Dell'Esilio)



"La nostra missione è quella di tener
duro quando tutti cedono;
di alzare la fiaccola dell'ideale nella
notte che circonda; di anticipare
con l'intelligenza
e l'azione l'immancabile futuro."

Carlo Rosselli (Scritti dell'Esilio)


"La Libertà significa
il diritto di essere eretici,
non conformisti di fronte
alla cultura ufficiale
e che la cultura, in quanto
cretività sconvolge
la tradizione ufficiale"







 

Diario | Pannella_Kok Ksor | Radicali Lucani | Antiproibizionismo | Lucania Radicale | Salvemini/Rosselli/Rossi/Pannella | Rassegna Stampa/Comunicati | Archivio Storico e Varie | Regionali2000 |
 
Diario
1visite.

29 marzo 2008

DOPO CATANZARO ANCHE SALERNO SI OCCUPA DELLE TOGHE LUCANE: QUEL COMPLOTTO CONTRO DE MAGISTRIS

Da "Il Resto", 29 Marzo 2008

Di Filippo de Lubac

Svolta sul «caso Catanzaro».
La procura di Salerno ha iscritto nel registro degli indagati gli accusatori del pm napoletano con accuse gravissime. «Abuso d’ufficio» per il sostituto pg Dolcino Favi e per l’ispettore di Mastella, Mantelli. Calunnia e «corruzione in atti giudiziari» per il procuratore Lombardi, l’aggiunto Murone, il giudice Adalgisa Rinardo, il senatore di Fi Pittelli, l’ex della Compagnia delle opere Saladino e l’ex presidente della Calabria Chiaravalloti. C’è un abuso d’ufficio, dietro la scelta di togliere al pm Luigi de Magistris l’inchiesta su Romano Prodi e Clemente Mastella. E’ quel che pensano i pm della procura di Salerno, che da un anno indagano su quel che accade ai dirimpettai di Catanzaro e in particolare al sostituto procuratore Luigi De Magistris. Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani hanno iscritto nel registro degli indagati il sostituto procuratore generale di Catanzaro Dolcino Favi, accusandolo di «abuso d’ufficio» per aver sottratto a De Magistris l’inchiesta su una truffa ai danni dell’Unione europea che aveva coinvolto anche i due pezzi da novanta del governo. L’elemento è saltato fuori lo scorso 9 gennaio, quando i due pm salernitani sono stati convocati dalla prima commissione del Consiglio superiore della magistratura che, parallelamente alla sezione disciplinare, ha messo sotto accusa De Magistris per «fatti non colposi». La loro deposizione è stata messa agli atti del processo disciplinare che si è concluso col trasferimento ad altra sede ed altro incarico del Dr. De Magistris. Nelle 63 pagine di deposizione davanti alla prima commissione, Nuzzi e Verasani hanno tratteggiato un quadro inquietante. Nell’ultimo anno a Salerno sono stati aperti 70 procedimenti, tutti centrati sul caso Catanzaro. E almeno quattro di questi disegnano un brutto ritratto di quel che negli ultimi tempi è avvenuto nella piccola procura, nota per i veleni che la attraversano e le coraggiose indagini che, ogni tanto, finiscono sulle scrivanie. Oltre all’ipotesi di reato contro il solo Dolcino Favi, i pm di Salerno pensano che le denunce nei confronti di De Magistris, seguite alla bufera Why not, possano essere il piano su cui poggiare una accusa di «calunnia» nei confronti del procuratore Mariano Lombardi, l’avvocato e senatore azzurro Giancarlo Pittelli, l’imprenditore ed ex capo della Compagnia delle opere calabrese Antonio Saladino (fulcro dell’indagine Why not) e dello stesso Dolcino Favi. Pittelli, l’ex presidente della regione Calabria Giuseppe Chiaravalloti (indagato nell’inchiesta Poseidone, curata sempre da De Magistris ma poi riassegnata da Lombardi al Dr. Salvatore Murone), Saladino, Lombardi, il procuratore aggiunto di Catanzaro Salvatore Murone e la presidente del tribunale del riesame Adalgisa Rinardo sono, poi, tutti indagati per «corruzione in atti giudiziari»; un’accusa che potrebbe scoperchiare i rapporti che da tempo incollano l’uno all’altro alcuni magistrati e politici locali, facendo in modo, per dirne una, che la dottoressa Rinardo, autrice di tre sentenze di annullamento nei confronti di De Magistris, abbia ottimi rapporti con Pittelli e più di un parente impiegato nelle aziende di Saladino. Chiaravalloti, poi, è accusato di «minaccia aggravata» nei confronti di de Magistris, con molta probabilità per le intercettazioni in cui già nel novembre 2005 sussurrava alla segretaria: «Lo dobbiamo ammazzare (De Magistris, ndr) gli facciamo le cause civili per il risarcimento danni e ne affidiamo la gestione alla camorra». C’è poi un’inchiesta sulle intercettazioni avviate dalla procura di Matera nei confronti di alcuni giornalisti e di un capitano dei carabinieri di Policoro (poi trasferito) che ipotizza una «indebita strumentalizzazione di atti di indagine», rilevando che quella inchiesta si è sovrapposta all’indagine calabrese diventando, nei fatti, un’inchiesta sull’inchiesta (come hanno provato le intercettazioni ampiamente pubblicate dal quotidiano Libero). Infine, e questo per Mastella rischia di essere un brutto colpo, il vice capo degli ispettori di via Arenula Gianfranco Mantelli è accusato di «abuso d’ufficio» in relazione all’ispezione contro il pm avviata in seguito all’inchiesta Toghe lucane. Le 63 pagine di deposizione dei due magistrati salernitani rischiano di diventare il primo colpo a favore del pm de Magistris. Nonostante i venti procedimenti penali aperti a suo carico, i magistrati hanno raccontato al Csm che non sono emersi elementi «penalmente rilevanti» e che non ci sarebbero neppure prove delle rivelazioni di notizie per cui il magistrato è finito alla disciplinare. Al contrario, Nuzzi e Verasani pensano che dietro alle denunce, alle interrogazioni parlamentari e alle fughe di notizie che hanno messo nei guai il pm ci sia un unico, lunghissimo, filo rosso. Anche per questo hanno ordinato una perizia telefonica sui contatti tra i vertici della procura di Catanzaro e il senatore Pittelli: l’elaborazione curata dal perito Gioacchino Genchi a nome di De Magistris aveva ipotizzato che dietro alle fughe di notizie che bruciarono una parte dell’inchiesta Poseidone (poi avocata dal procuratore Lombardi) ci fosse il legame tra lo stesso Lombardi e il senatore, visto che il figliastro di Lombardi è socio dello studio legale Pittelli. Acquisire i tabulati, però, spettava alla procura di Salerno: i risultati sono attesi a giorni.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 29/3/2008 alle 18:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile