.
Annunci online

 
lucania 
XX settembre
<%if foto<>"0" then%>
Torna alla home page di questo Blog
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Speciale su Tito Scalo(OLA)
Verbale Tito
I Veleni di Tito certificati
Speciale Fenice Spa
OLA: L'Ambientalismo non di regime
IL RESTO
Facebook
Bolognetti su radioradicale.it
Bolognetti su Coscioni.it
Bolognetti su "Fai Notizia"
Bolognetti su Radicali.it
Foto BubbleShare
Foto Flickr
Video su Google
Video su dailymotion
Video su YouTube
almcalabria
Raggi/Wordpress
Wikio.it
Lucanianews
NoiCittadiniLucani
Vittoria Smaldone
Ottavio Frammrtino
Diario Estemporaneo
Ecarta
Exploratores
Andrea Pikki
Lutrelli Blog
Giambattista Cervino
Flavia Amabile Blog(La Stampa)
Guido De Rosa
Sinistra Lucana
Anagrafe degli eletti Blog
Inaugurazione dell'anno giudiziario della Corte d'Appello di Potenza
Caso De Magistris, 21 ottobre
Il costo della politica
Manifestazione a sostegno del Pubblico Ministero Luigi De Magistris
Conferenza stampa\sit-in di Maurizio Bolognetti sulla "pax mastelliana"
Intervista a Maurizio Bolognetti sull'utilizzo dei fondi comunitari nella regioni Basilicata
Intervista a Maurizio Bolognetti sui 35 rinvii a giudizio in merito all'inchiesta relativa alla BPM
Insediamenti turistici nel metapontino: intervista a Maurizio Bolognetti
Piergiorgio Welby
Anagrafe pubblica degli eletti
Pannella e Kok Ksor a Potenza, 29/06/2004
Pannella e Kok Ksor a Latronico, 29/06/2004
Notiziario, 30/06/2004
Delegazione radicale visita i sassi, 30/06/2004
Pannella e Kok Ksor a Matera, 30/06/2004
Intervista RR, 27/08/07
Sit-in Lagonegro, 18/08/07
Dimissioni della giunta, 12/06/2007
Quale Alternativa?, 22/06/2007
"Caso Basilicata", 28/06/2007
Speciale "Toghe Lucane",18/06/2007
Intervista su "Toghe Lucane", 08/06/2007
Intervista su elezioni amm., 24/05/2007
Intervista su Comunità Montane, 16/05/2007
Chiu pilu pe tutti, 21/04/2007
Conferenza Stampa Eolico,23/03/2007
Veglia Welby, 13/12/2006
Comizio Cav, 28/01/2007
Egidio Sisinni, 16/10/06
Filodiretto, aprile 2006
Truffa UE, 25/8/06
Comizio Referendum, 07/05/2005
Firme False, 16/03/2005
Referendum, CF 10/9/2004
Comizio Muro L., 29/5/2004
Interviste a Latronico, 26/04/2004
Scorie Nucleari, CF 26/11/03
Comizio PZ, 1/12/03
Statuto Regionale, 4/10/03
Montagnard, 5/11/03
Maratona Oratoria, 20/6/02
Disobbedienza PZ, 25/5/02
Disobbedienza Mt, 22/2/03
OLA
FGS POTENZA
Montescaglioso.net
Astronik Blog
Nathan 2000
Rosa Piro
Giulio Laurenzi
Alfredo Di Giovampaolo
Luigi Cannella
Gianluca Bruno
Luigi Botte Blog
Vilerola
Voglio Scendere
Beha Blog
Il Senso della Misura
Fontamara
aboutblank
Daniela Condemi
Tiamotamburro
Piero Lacorazza
Bradanica
Il Rockpoeta
Polis
Paolo Uricchio
Rivivere
Il Quotidiano della Basilicata
Blutv
Basilicatanet
Basilicatanews
L'Eco di Basilicata
Gazzetta del Mezzogiorno
Nuova del Sud
Metropolisinfo
Tgr Basilicata
Approfondimenti RR: "Parlamento-casta"
Approfondimenti RR "Caste e Condor"
Rischio Vesuvio
  cerca


 



Intervento di Maurizio Bolognetti
alla Direzione Nazionale Rnp,
22 Settembre 2006
Ascolta!!! Link:
Radioradicale.it



LA DIREZIONE DI RL
CARLO GIORDANO
CARLO BOSSI
SABRINA TRIOLA

ASSOCIAZIONE RADICALI LUCANI
85043 - Latronico
radicalilucani@libero.it


“Comunque penosa sia la situazione
presente,
comunque avanzato sia
il processo
di involuzione confessionale
della nostra Repubblica,
noi, però, non disperiamo.
Sulla storia dell’umanità non cala mai
il sipario,
ed attori del dramma siamo noi,
con la nostra volontà e i nostri ideali.”
Ernesto Rossi (Il Ponte 1959)


“L’idea di libertà è una creazione
di ogni spirito;
imperdonabile errore è considerare
la libertà sotto un profilo storicistico,
strumentale ed utilitaristico.
La libertà è un valore
eterno ed assoluto.”


Carlo Rosselli (Scritti Dell'Esilio)



"La nostra missione è quella di tener
duro quando tutti cedono;
di alzare la fiaccola dell'ideale nella
notte che circonda; di anticipare
con l'intelligenza
e l'azione l'immancabile futuro."

Carlo Rosselli (Scritti dell'Esilio)


"La Libertà significa
il diritto di essere eretici,
non conformisti di fronte
alla cultura ufficiale
e che la cultura, in quanto
cretività sconvolge
la tradizione ufficiale"







 

Diario | Pannella_Kok Ksor | Radicali Lucani | Antiproibizionismo | Lucania Radicale | Salvemini/Rosselli/Rossi/Pannella | Rassegna Stampa/Comunicati | Archivio Storico e Varie | Regionali2000 |
 
Salvemini/Rosselli/Rossi/Pannella
1visite.

31 maggio 2011

Pannella: il "Cavaliere" della Legalità(Nuova del sud, 31 maggio 2011)

Per leggere l'articolo

In questa “Povera Patria”, per dirla con Battiato, c’è chi oppone le armi della nonviolenza alla violenza a volte automatica e inconsapevole di quello che Pier Paolo Pasolini chiama “Palazzo”. Parafrasando Leonardo Sciascia, si potrebbe dire che Marco Pannella è “Il Cavaliere” che si batte contro “la morte” del diritto, della legalità, della democrazia.(Maurizio Bolognetti)




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 31/5/2011 alle 14:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 marzo 2011

"Italia Scombinata"

 

“Il profeta di sventure fa un mestiere sgradito agli altri ed odioso a se stesso. Ma quando non c’è altro mestiere da fare, bisogna bene far quello, pur inghiottendo amaro. Tacere sarebbe fare un mestiere anche peggiore: quello del complice per conformismo e per viltà. (da Italia scombinata).
di G. Salvemini




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 6/3/2011 alle 14:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 luglio 2009

Firma!




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 6/7/2009 alle 15:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 giugno 2009

"Questa volta voto lista BONINO - PANNELLA!"




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 7/6/2009 alle 14:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

3 giugno 2009

Dall'archivio. Il degrado giuridico, politico, civile ed istituzionale del nostro paese e l'iniziativa Radicale; Pannella ad un Comizio a Muro Lucano (1984)




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 3/6/2009 alle 16:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 giugno 2009

Muro Lucano: ore 19, comizio della Lista Bonino-Pannella, con Marco Pannella

Muro Lucano, 4 giugno 2009

Muro Lucano, giovedì 4 giugno, ore 19, pubblico comizio in Piazza Don Minzoni, con Marco Pannella, Aldo Loris Rossi, Maurizio Bolognetti e Sergio D'Elia.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 2/6/2009 alle 13:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 maggio 2009

Conversazione settimanale con Marco Pannella


ASCOLTA SU RADIO RADICALE




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 26/5/2009 alle 9:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

21 maggio 2009

Il Presidente Napolitano esprime a Pannella "piena comprensione per la battaglia che sta conducendo"...

da una nota di agenzia letta a Radio Radicale

Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in una telefonata all'on. Marco Pannella, gli ha espresso piena comprensione per la battaglia che sta conducendo e ha auspicato che possa partecipare, già in questi giorni, ad una trasmissione politico-elettorale del servizio pubblico radiotelevisivo in rappresentanza della lista radicale presentata per la prossima competizione europea. Lo rende noto un comunicato dell'ufficio stampa del Quirinale.
 

da Corriere della Sera del 21 maggio 2009, pag. 15

di Giovanna Cavalli

Al quinto giorno del Satyagraha, digiuno totale, niente cibo, niente acqua, Giorgio Napolitano ha chiamato Marco Pannella per esprimergli «piena comprensione per la battaglia che sta conducendo». Una lunga telefonata. E il presidente della Repubblica, cui il leader radicale aveva scritto una lettera aperta lamentando la scomparsa del suo partito dalla campagna elettorale in tv, in un successivo comunicato ufficiale del Quirinale ha invitato la Rai a risolvere in fretta il problema. Ha auspicato che l`ottantenne Pannella «possa partecipare già in questi giorni ad una trasmissione politico-elettorale del servizio pubblico radiotelevisivo in rappresentanza della lista radicale presentata per la prossima competizione europea». Una campagna in cui i radicali italiani temono di essere dimenticati: da un loro sondaggio risulta che l`82 per cento degli elettori ignora che ci sia in corsa la lista Bonino-Pannella. Per ovviare a ciò, sempre ieri, l`ottantenne combattente di tante battaglie, si è ufficialmente autoinvitato ad Annozero da Michele Santoro. Dentro o fuori lo studio. «Non intendo addentrarmi nella folla dei motivi giuridici, politici, etico-professionali che legittimano questa mia richiesta, ma una ragione è certo prevalente su tutte le altre: non intendo più tollerare una lunga storia di ostracismo di regime», ha detto il leader radicale che tante volte si imbavagliò alle Tribune Politiche. Con una promessa-minaccia per il conduttore: «Sarò comunque davanti al tuo portone». Non gli basta che tra gli ospiti ufficiali della puntata ritorni Emma Bonino. Se le condizioni fisiche glielo consentiranno (non bere è dannosissimo per la sua salute), farà il suo sit-in contro la Rai. A meno che non sia davvero troppo rischioso: «Marco è persona ragionevole, nonostante le apparenze», osserva Massimo Bordin, direttore di Radio Radicale. I suoi sono preoccupati. E anche Gianfranco Fini, ieri ha chiamato il presidente della Vigilanza Rai, Sergio Zavoli, per esprimergli la propria preoccupazione per Pannella. Con l`auspicio che «l`impegno delle istituzioni a tutela del pluralismo possa contribuire a farlo desistere da questo pericoloso digiuno». Oggi sarebbe il sesto giorno, non si resiste oltre il settimo.

da La Repubblica del 21 maggio 2009, pag. 1

di Francesco Merlo

Bianco, diafano, smunto, tutto pelle, ossa e occhioni stralunati, Marco Pannella sta di nuovo mettendo a rischio la sua vita perché le nomine alla Rai sono state bulgare e professionalmente prive di credibilità e perché i radicali sono di nuovo ridotti alla clandestinità e all´extra italianità, fuori dai confini, fuori dalla partita, cancellati dalla politica dei camerieri e delle veline, dai cani che temono di perdere l´osso. Vecchio, intrappolato nel suo ruolo di digiunatore, Marco Pannella ha mille volte ragione, e tanta più ne ha oggi che il potere si gioca tutto sulla presentabilità fisica, sulla prestanza sessuale, sui capelli tinti... Pannella è di nuovo l´esatto contrario del potere italiano. Quelli usano la politica per palestrare i corpi e lui usa il corpo per nobilitare la politica. Quelli consumano la politica per drogare il fisico e Pannella consuma il fisico per salvare la politica. Apparentemente Pannella è perdente. L´Italia infatti non fa più caso ai suoi digiuni. Come se il potere, con la sua protervia, avesse dissipato il patrimonio Pannella. I nemici di sempre gioiscono perché in quel vecchio scarnificato vedono la prossimità della loro impunita vittoria: Pannella che pensava di logorare l´ottusità del potere con le oltranze e con gli eccessi è stato invece logorato dalla faccia tosta del potere. Ma non è così. Ieri il suo corpo in tv mostrava tutta la giusta vulnerabilità di una grande vecchiaia che nel paese dei vecchi giovanilisti torna a fare scandalo. Pannella non è un "papi", ma è un rimprovero ai "papi" d´Italia. È una messa in ridicolo dei "papi" questa sua vecchiaia maestosa e regale, argentea, senza parrucche posticce e senza lifting. Pannella è vecchio perché è vivo, quegli altri sono mummificati dal narcisismo di plastica. In realtà Pannella sta vincendo di nuovo. E infatti i potenti contro cui digiuna si informano dei suoi crampi, prendono nota degli etti, controllano la sofferenza diffusa, valutano il numero di pillole, e già gli propongono almeno un bicchiere, magari un sorso, o soltanto una goccia. Da cinquant´anni la politica italiana coccola Pannella tutte le volte che rischia di perderlo. Torna insomma la strana complicità tra Pannella e il mondo che a ogni digiuno vuole curarlo a forza, il mondo che non sopporta la sua fame e la sua sete ma in cinquant´anni non è riuscito a inventarsi qualcosa per proteggere ed esaltare Pannella, per usarlo, e dunque ascoltarlo prima che cominci a scioperare anziché salvarlo un attimo prima di morire. Proprio nel Paese dove, sulla nozione della vita, si mobilitano papi, vescovi, leader di partito, embrionologi, professori dell´aborto, scienziati, si è costretto un grande italiano a passare la vita mettendo a rischio la vita. Ebbene, ieri a vederlo cosi ieratico abbiamo avuto il timore che Pannella stia rischiando davvero, e rischiando consapevolmente. Pannella sa bene che in Italia bisogna morire per diventare vivi. Tra i paradossi italiani c´è infatti pure questo: tutti coloro che, nel furore quotidiano della battaglia politica, vorrebbero ammazzare l´avversario, se lo ritrovano bello e vivo solo quando è morto. E non pensate che sia solo Berlusconi a non sopportare più Pannella. I radicali credono che in Italia c´è la peste, che tutti fanno strage di legalità. La faccia decrepita di Pannella è la faccia decrepita dei sentimenti e dei valori, della lealtà e dell´amicizia, dell´onorabilità e della bella vecchiaia. Non era Pannella che si estenuava e quasi sembrava morire ieri sera in tv, ma era l´anima dell´Italia civile.





permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 21/5/2009 alle 11:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 maggio 2009

Collegamento in diretta con Marco Pannella




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 20/5/2009 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 giugno 2008

Collegamento con Marco Pannella




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 5/6/2008 alle 12:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

26 aprile 2008

Bernardini, Perduca, Cappato e Staderini: come annunciato, abbiamo firmato i referendum di Grillo

Dichiarazione di Rita Bernardini (Segretaria di Radicali Italiani eletta alla Camera nelle liste del PD), Marco Perduca (Vicepresidente del Partito Radicale Nonviolento, eletto al Senato nelle liste del PD), Marco Cappato (Europarlamentare radicale, Segretario dell’Associazione Luca Coscioni), Mario Staderini (Direzione Nazionale di Radicali Italiani)

Roma, 25 aprile 2008

Come annunciato, abbiamo firmato i tre referendum per l'abolizione dell'ordine dei giornalisti, contro il finanziamento pubblico dell'editoria e la legge Gasparri, perché proposte che perseguiamo da anni per una stampa più libera e che dal 1975 pratichiamo con Radio Radicale.
Ai tavoli della Basilica di S. Paolo abbiamo riscontrato una grande partecipazione popolare a testimonianza del fatto che gli italiani sono a favore degli strumenti di democrazia diretta che gli opinionisti di regime ritengono essere un'arma spuntata. Anche Marco Pannella è appena giunto ai tavoli di raccolta firme.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 26/4/2008 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 aprile 2008

Marco Pannella a Beppe Grillo: «Collaboriamo sui referendum»


Leggi su radioradicale.it




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 7/4/2008 alle 19:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 marzo 2008

Siamo tutti tibetani: free Tibet, free China




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 20/3/2008 alle 11:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

17 marzo 2008

Tutti giù a terra al sit-in radicale

da Corriere della Sera del 17 marzo 2008, pag. 14

di Gianna Fregonara

Alle sei di sera si sono sdraiati tutti per terra: un minuto per ricordare i morti della repressione cinese in Tibet. Poi, si abbassano le bandiere. Si chiude senza violenze, contrariamente ad altre manifestazioni a Parigi e all’Aia, il sit-in di protesta italiano davanti all’ambasciata cinese di via Bruxelles. A guidare i manifestanti, qualche centinaio, Marco Pannella che arriva con un cartello arancio-monaco con lo slogan «Free Tibet, free China» al collo. Prende il megafono e rivolgendosi direttamente all’ambasciatore scandisce: «Sappia che siamo convinti che la via della crescita della Cina passa attraverso questa nostra azione e non attraverso la prepotenza del potere statuale a Pechino. Viva la religione della libertà, basta con talebani e vaticani». Poi la folla contenuta senza sforzo né tensioni da un cordone di poliziotti - intona slogan contro la repressione e a favore della risposta non violenta. A metà un monaco invita anche a fare una preghiera. In supporto ai radicali, alle organizzazioni tibetane e a Nessuno tocchi Caino arrivano anche alcuni eurodeputati di sinistra, da Pasqualina Napoletano a Roberto Musacchio, il sottosegretario agli Esteri Patrizia Sentinelli e il senatore Angelo Bonelli.
Pannella e Marco Cappato chiedono con una lettera ufficiale la convocazione straordinaria del Parlamento europeo per discutere del caso Cina-Tibet. Mentre da Dharamsala il parlamentare Sergio D’Elia chiede la discussione a Montecitorio.
Non sono mancate ieri le reazioni delle forze politiche italiane al massacro dei monaci, anche se l’idea di boicottare le Olimpiadi di Pechino non sta per ora prendendo forza. E solo Umberto Bossi a riprendere il tema: «Se fosse per la Padania - ha detto in un comizio a Vicenza - i Giochi sarebbero da boicottare, ma non posso parlare per l’Italia». Il ministro degli Esteri Massimo D’Alema annuncia che l’Italia «ha chiesto alla Cina di porre fine alla repressione in Tibet, una repressione che consideriamo inaccettabile». Walter Veltroni condanna come «ingiustificabile» quello che è accaduto. Il sottosegretario agli Esteri Gianni Vernetti chiede alla Cina «di accogliere immediatamente una missione Onu o della Croce Rossa». Marco Cappato polemizza con il Vaticano perché il Papa non ha fatto appelli durante l’Angelus. Oggi davanti all’ambasciata, alle 18.30 ci sarà un’altro sit-in organizzato dai sindacati.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 17/3/2008 alle 13:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

14 marzo 2008

Pannella: sono trent'anni che la Rai costituisce, e ha costituito, la cellula staminale di un fascismo italiano nuovo, vero, sostanziale

da radicali.it

Roma, 14 marzo 2008

• da una nota di agenzia letta a Radio Radicale

"Ieri il Tg1 della Rai ha soppresso 12 secondi del mio intervento, quando ho testimoni del fatto che il giornalista mi aveva garantito che non si sarebbe toccato quel minuto e 14 secondi durante il quale ero intervenuto". Lo ha detto Marco Pannella, in diretta su Radio Radicale, facendo riferimento ad una intervista trasmessa ieri nell'edizione delle 13 del Tg1. "Sono trent'anni che la Rai costituisce, ed ha costituito, la cellula staminale di un fascismo italiano nuovo, vero, sostanziale". "Radio, tv, azienda-menzogna. Ieri - conclude il leader radicale - togliendo quei 12 secondi, sono riusciti a falsare il mio linguaggio, la mia fisionomia, nel momento in cui ero in sciopero della sete e per la prima volta ci facevano l'elemosina di parlare su questo. Intendo porre a tutti i livelli, anche penali, questo episodio di distruzione dell'immagine, del linguaggio. Gianni Riotta: dimettiti".




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 14/3/2008 alle 15:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

12 marzo 2008

PANNELLA: SETTIMO GIORNO DI SCIOPERO DELLA FAME E DELLA SETE

12 marzo 2008

Ore 15.50

Nel pomeriggio di domenica 9 marzo l’On. Pannella ha accettato di sottoporsi a terapia infusiva, con somministrazione di un totale di un litro di liquidi. Dopo altre 24 ore di digiuno, nella giornata di ieri ha assunto per bocca circa un litro di acqua e spremute di frutta. Ciò ha comportato una riduzione della azotemia, che oggi è di 85 mg/dl. Tuttavia stamattina è stato osservato un repentino incremento della creatinina, che è passata da 1.16 a 1.44 mg/dl in 24 ore. Alla luce di quanto sopra, il collegio medico non può che confermare il persistere di uno stato di sofferenza renale che rischia di evolvere verso un danno irreversibile. Si ritiene assolutamente improcrastinabile il ritorno ad una idratazione regolare e continua. In caso contrario il collegio medico conferma di non poter offrire al paziente alcun utile contributo assistenziale.

Prof. Claudio Santini, Direttore UOC Medicina interna – Ospedale Vannini – Roma;

Prof. Gerardo Ansatone, Direttore UOC Cardiologia – Ospedale Vannini – Roma;

Prof. Giovanni Stirati, Direttore Uoc Nefrologia, Università La Sapienza – Roma;

Prof. Gianni Testa, Direttore Uoc Anestesia Rianimazione, Ospedale Vannini – Roma.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 12/3/2008 alle 17:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

11 marzo 2008

Collegamento con Marco Pannella. «I socialisti ora non ci useranno più per propaganda»




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 11/3/2008 alle 13:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

10 marzo 2008

Sciopero della sete: collegamento in diretta con Marco Pannella




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 10/3/2008 alle 12:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

9 marzo 2008

PANNELLA: QUARTO GIORNO DI SCIOPERO TOTALE DELLA FAME E DELLA SETE


 Leggi su radicali.it




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 9/3/2008 alle 13:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 marzo 2008

SCIOPERO TOTALE DELLA FAME E DELLA SETE DI MARCO PANNELLA: IL BOLLETTINO MEDICO

Roma, 8 marzo 2008

Nel gennaio 2007, dopo 7 giorni di completo digiuno per solidi e liquidi, l'onorevole Marco Pannella andò incontro a necrosi tubolare con conseguente insufficienza renale acuta. Nel giugno successivo, dopo 10 giorni di digiuno completo, sviluppò un'ischemia miocardica acuta. Nonostante questi eventi clinici rilevanti, dalle ore 12 del 5 marzo l'onorevole Pannella ha di nuovo sospeso l'assunzione di cibi solidi e liquidi, sottoponendosi a quotidiani controlli clinici ed ematochimici. Al controllo odierno risulta un calo ponderale di 6 Kg., uno stato di marcata disidratazione, una ipotensione ortostatica di 80 su 60 mmHg ed una forte contrazione della diuresi. Soprattutto, i dati ematochimici documentano una elevazione della azotemia fino a 95 mg/dl, con incremento di 30 punti nelle ultime 24 ore, ed un contemporaneo innalzamento della creatinina da 0.9 a 1.23 mg/dl. Il Collegio medico configura nella alterazione dei parametri di funzionalità renale, vericatasi nelle ultime 24 ore, un quadro di grave sofferenza tubulare, con sostanziali rischi di rapida evoluzione verso l'insufficienza renale acuta, come già precedentemente accaduto. Lo stato di ipotensione ed i conseguenti aggiustamenti terapeutici, espongono inoltre al rischio di nuove complicanze cardiovascolari. Il Collego medico, pertanto, non vede altra possibilità che l'immediata ripresa della idratazione ed il monitoraggio dei parametri di funzione renale, onde scongiurare l'evoluzione verso danni d'organo irreversibili.

Prof. Claudio Santini, Direttore UOC Medicina interna – Ospedale Vannini – Roma; Prof. Gerardo Ansatone, Direttore UOC Cardiologia – Ospedale Vannini – Roma;
Prof. Giovanni Stirati, Direttore Uoc Nefrologia, Università La Sapienza – Roma;
Prof. Gianni Testa, Direttore Uoc Anestesia Rianimazione, Ospedale Vannini – Roma.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 8/3/2008 alle 17:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

7 marzo 2008

Sciopero della sete di Marco Pannella: alle 18 oggi oltre 900 persone sostengono l'iniziativa nonviolenta per affermare il valore della “parola data”

Roma, 7 marzo 2008

Continuano ad arrivare adesioni all’appello a sostegno dello sciopero della sete di Marco Pannella per l’affermazione, non solo in Italia, del valore della “parola data” e la difesa dei patti sottoscritti. L’iniziativa nonviolenta di Marco Pannella segna l’avvio del Primo Satyagraha Mondiale per la Pace, la libertà e la giustizia che nei prossimi giorni si estenderà, a partire dall’Italia, su altri fronti dove il mancato rispetto della “parola data” e dei “patti” determina ogni giorno strage di legalità e di persone. Mentre sono oltre 900 le adesioni italiane sul sito www.radicali.it e www.radioradicale.it, in queste loro sono arrivate i primi sostegni internazionali, tra questi, l’ex primo ministro albanese Pandeli Majko e l’ex Ministro dei trasporti Ermelinda Mecsi, il Premio Sakharov del Parlamento europeo Wei Jingsheng, il portavoce mondiale della Chiesa buddista unificata del Vietnam Vo Van Ai, il leader the Montagnard Kok Ksor e il coordinatore della federazione dei Khmer Krom, popolazione che vive tra la Cambogia e il Vietnam Tach Tach.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 7/3/2008 alle 19:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

6 marzo 2008

A sostegno dell'iniziativa nonviolenta di Marco Pannella


Clicca sul Banner




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 6/3/2008 alle 20:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 marzo 2008

Conferenza stampa di Marco Pannella.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 5/3/2008 alle 19:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 marzo 2008

Marco Pannella a Radio Radio annuncia lo sciopero della sete per il rispetto del contratto elettorale con PD




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 5/3/2008 alle 13:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 marzo 2008

PD, PANNELLA: NON FAREMO IL FAVORE DI RITIRARCI

Roma, 5 marzo 2008

• da note di agenzia lette a Radio Radicale

“No, forse è quello che si vuole. E' un favore che non faremo”: Marco Pannella, ospite di Panorama del Giorno (Canale 5), replica così a Maurizio Belpietro che gli chiede i radicali intendano ritirare le loro candidature nelle file del Pd. Nessuna lista Bonino, allora? “No - replica il leader radicale - di rotto ci sarà quello che loro vorranno tentare di rompere, non altro. Noi abbiamo sufficiente rigore, onestà (noi onestà) come sanno tutti e quindi con rigore faremo la battaglia che abbiamo sempre fatto per difendere l'onesta', per difendere la trasparenza e anche difendere la povertà che abbiamo sempre praticato contro l'arroganza e le tentazioni di arroganza dei troppo ricchi e dei padroni”. A proposito della preferenza data nelle liste a portaborse e amici, Pannella commenta: “Sono cose che leggiamo sui giornali. Sulle cose che ci riguardano è raro riuscire ad avere informazioni sufficienti. Può darsi. Noi poniamo un solo problema: hanno rifiutato noi mentre invece hanno accolto Di Pietro con amore, hanno rifiutato personalmente molti di coloro che per la gente italiana rappresentano coloro che fanno parte del loro vissuto, del vissuto delle famiglie italiane, di tutti. Sappiamo che siamo iscritti non nel Dna ma nella storia di coloro che ci stanno ascoltando, che siano stati ideologicamente amici o nemici. Noi continuiamo. Rivolgo un appello agli uomini democratici, a tutti gli uomini democratici e alla brava gente perché non tacciano, perché se si subiscono questo genere di cose, questi errori finiremo poi per pagarli tutti”. Pannella si augura comunque che questo comportamento venga “superato dallo stesso vertice” del Pd, anche se “forse qualcuno confidava nella soluzione finale nei confronti dei radicali, da destra o da sinistra. Ma su questo nessuno si faccia illusioni. Noi in questo paese ci saremo e arriveremo sempre dopo la caduta dei potenti e degli arroganti come è successo da quaranta anni”.
Quello che accaduto in questa occasione ai radicali, secondo Pannella “accade a milioni e milioni di italiani” perché è un Paese in cui “la legalità viene negata”, che “non è democratico”, e quindi “non ci dobbiamo sorprendere quindi se viene meno alla parola data o si tenta di farlo”. In realtà, secondo Pannella, i nominati radicali non sono 9 come previsto dagli accordi, ma “forse sei, forse sette”. “Io dico da testardo abruzzese 'c'è un impegno, un'offerta precisa, chiara e anche la legge tutela questo'. Noi per il momento andiamo avanti, continuiamo ad esporci al giudizio e soprattutto - conclude - confidiamo nell'aiuto della gente dabbene”.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 5/3/2008 alle 11:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

5 marzo 2008

PANNELLA: RISPOSTA AI BETTINI E SORO E APPELLO FIDUCIOSO A WALTER VELTRONI

Roma, 4 marzo 2008

PANNELLA: RISPOSTA AI BETTINI E SORO E APPELLO FIDUCIOSO A WALTER VELTRONI. LE LISTE SONO “INTOCCABILI”? SI SCEGLIE ADDIRITTURA, PUBBLICAMENTE, LA POLITICA DEL “FATTO - O MISFATTO – COMPIUTO”. MI DICONO CHE I SORO E BETTINI VOGLIANO AFFERMARSI COME DECRETANTI SECONDO LA “LEGGE DEL MENGA”. È QUESTA QUELLA DEL CODICE ETICO?


Dichiarazione di Marco Pannella

Mentre Walter Veltroni dichiara: “i nove eletti radicali, ci sono!” il possente Bettini afferma che vi sono “nove radicali ELEGGIBILI”. Soro con eleganza, da par suo, dice: “gli eleggibili ci sono; se non gli basta non hanno che andarsene” e così via…
Il problema, invece, è che i nove candidati radicali sicuramente nominati “eletti” non ci sono. A noi basta che il patto intercorso, proposto da Veltroni e dal Pd e accettato dai Radicali, venga onorato. A questo punto quel che è in causa è qualcosa, per dei democratici quali noi, ripeto noi, siamo, più importante ancora dei nove eletti.
È il principio stesso dell’onorare gli impegni pubblicamente e reiteratamente assunti, fondamento stesso del gioco democratico e di uno stato di diritto. Il problema che noi poniamo è quello che ci coinvolge come democratici organizzati, moralmente anche nel Pd, a difesa del Pd stesso dei diritti dei propri iscritti, aderenti, contribuenti e candidati votanti.
In Italia si va forse ormai comprendendo che l’assunto Radicale, per il quale dove vi sia strage di legalità, lì incombe anche strage di vite, distruzione del territorio non solo morale di un Paese, sta mostrando e dimostrando la sua verità.
Per tutto questo voglio far fiducia a Walter Veltroni: state, stai commettendo errori gravi; dinanzi a questa constatazione che non puoi non fare tu stesso non è immaginabile che tu persista nel compierli mentre forza civile politica e – consentimelo – morale è invece nel riconoscerlo e nel superarlo. Noi comunque ci tuteliamo esponendoci alla “pubblica fede”. Non si sottovaluti la forza di questa scelta classicamente e fortemente nonviolenta. Spero, anzi, che tu voglia e sappia farne forza e tesoro per il tuo – e spero nostro – Partito democratico.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 5/3/2008 alle 10:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

4 marzo 2008

DICHIARAZIONE DI M. PANNELLA : CON VELTRONI SAPPIAMO BENE, ENTRAMBI, CHE IN OGNI ONORABILE TIPO DI SOCIETA’ : “PACTA SUNT SERVANDA. ERGO ...”

4 marzo 2008

ore 13.40

“Notizie Radicali” di oggi pubblicherà il seguente intervento di Marco Pannella (si prega di citare la fonte. Grazie).

Con la sua pubblica proposta pattizia accettata dai radicali Walter Veltroni si è impegnato a nominare nove candidati radicali parlamentari della Repubblica. A norma della legge elettorale (vigente anche se antidemocratica e anticostituzionale) per adempiere il suddetto impegno Veltroni non può che usare l’appropriato strumento a sua disposizione, cioè l’ordine di inserimento e presentazione nelle liste PD dei candidati nominandi deputati o senatori. Per i nominandi deputati del suo proprio Partito ovviamente Walter Veltroni li nominerà secondo criteri “politici”, meramente ad esso interni, inevitabili in regime partitocratrico proporzionalista. Ma deve essere ben chiaro a tutti che le nove candidature (e conseguenti nomine) radicali derivanti da patto interpartitico devono, per ciò stesso, essere considerate e protette come privilegiate a tutti i fini e sotto qualsiasi veste le si voglia considerare. Per intenderci, le nove nomine radicali dovrebbero in teoria essere le prime, le “più certe”, obbligate nell’ordine di presentazione di lista delle candidature. Potremmo anche chiederlo, pretenderlo, poiché vi sono in causa componenti e interessi patrimoniali, anche se immateriali, nella tutela legittima del diritto alla propria immagine (e/o identità). Con la diligenza e l’onestà del buon padre o della buona madre di famiglia ci limitiamo invece ad esigere che tutte le nove candidature radicali siano poste prudenzialmente almeno dopo le prime o primissime candidature di ogni Lista e, comunque, ciascuna in almeno due diverse circoscrizioni, almeno una delle quali dovrebbe essere prescelta fra le 12 più popolose del Paese.

da Radio Radicale.it

Conferenza stampa di Emma Bonino e Marco Pannella sulle liste elettorali.




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 4/3/2008 alle 14:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

2 marzo 2008

Il Sillabo

"Io appartengo alla sparutissima schiera di coloro che credono ancora sia dovere di ogni uomo civile prendere la difesa dello Stato laico contro le ingerenze della Chiesa in Parlamento, nella scuola, nella pubblica amministrazione, e ritengono che questo obiettivo sia, nel nostro paese, più importante di qualsiasi altro - politico, giuridico o economico - in quanto il suo conseguimento costituirebbe la premessa indispensabile per qualsiasi seria riforma di struttura: io sono, cioè, sulle posizioni di quello che la maggior parte degli esponenti della sinistra democratica oggi definisce "vieto anticlericalismo" e "pregiudizio piccolo-borghese"...

Ernesto Rossi - Il Sillabo




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 2/3/2008 alle 19:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

26 febbraio 2008

I paolini all'attacco: Pd pasticcio veltroniano in salsa pannelliana


Leggi e ascolta su radioradicale.it




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 26/2/2008 alle 17:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

15 febbraio 2008

Ferrara rifiuta il dibattito in diretta con Pannella sull'aborto

 
Ascolta su radioradicale.it




permalink | inviato da Maurizio Bolognetti il 15/2/2008 alle 13:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
marzo